Lorem Come fare per

Congedi di maternità, parentali e di paternità

04 Gennaio 2024 |
Paolo Bonini

Per usufruire dei congedi legati alla nascita dei figli, i genitori devono presentare domanda al datore di lavoro e all'INPS. La presente Guida esamina gli adempimenti necessari.

Sommario
Cenni generali

Prima di esaminare gli adempimenti di lavoratori e datori di lavoro è utile fornire un quadro delle tutele esistenti in materia di genitorialità.

L'ordinamento italiano, anche in attuazione di normative comunitarie, appronta diverse forme di tutela della genitorialità, non tutte necessariamente connesse con la condizione di “lavoratrice” o “lavoratore” dei genitori stessi.

Limitandosi alle misure protettive legate al rapporto di lavoro viene innanzitutto in rilievo l'art. 37 Cost.: «La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione».

Il divieto di discriminazione della madre lavoratrice (e del padre lavoratore) trova accoglienza nell'art. 3 D.Lgs. 151/2001 che vieta espressamente ogni trattamento peggiorativo derivante dallo «stato di gravidanza, nonché di maternità o paternità, anche adottive, o in ragione della titolarità e dell'esercizio dei relativi diritti».

In fase pre-assuntiva, al datore di lavoro è vietata qualunque indagine s...

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona