Lorem Giurisprudenza commentata

Compensazione del credito nell’atto di compravendita: imposta di registro proporzionale

24 Giugno 2022 |
Marco Nessi
Riconosciuta la fondatezza dell'avviso di liquidazione in ragione del fatto che l'intervenuta compensazione a saldo del prezzo concordato nella compravendita originaria, in quanto enunciata in quest'ultimo, è da sottoporre a tassazione mediante applicazione dell'imposta di registro in misura proporzionale con aliquota 0,50% (CTP Bergamo 25 marzo 2022 n. 152).
Massima

Si applica l'imposta di registro proporzionale dello 0,50% al saldo del prezzo concordato in un atto di compravendita estinto mediante compensazione enunciata nel relativo atto. È questo il principio espresso dalla CTP di Bergamo.

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona