Lorem Schede d'autore

Regimi doganali - Aspetti generali

03 Settembre 2021 |

I regimi doganali sono il cuore dell'ordinamento doganale dell'Unione europea. Costituiscono uno strumento prezioso nelle mani delle imprese per definire la pianificazione fiscale e la strategia commerciale. Si dividono in regimi ordinari e regimi speciali. La scelta di vincolare la merce a uno di essi condiziona anche la posizione doganale della merce, che acquista, a seconda dei casi, posizione di merce unionale o non unionale. Alla posizione doganale sono connesse importanti conseguenze.

Inquadramento

Una volta entrata nel territorio doganale dell'Unione europea o quando si appresti a uscirne, la merce deve essere presentata all'autorità doganale e, qualora si tratti di merce in entrata, la presentazione deve avvenire immediatamente nel momento in cui le merci giungano presso l'ufficio doganale designato o in un altro luogo approvato (artt. 139 e 267 Reg. UE 952/2013, codice doganale dell'Unione, CDU). Ciò che caratterizza il contenuto del rapporto doganale è l'assoggettamento del detentore della merce ai poteri di vigilanza e di controllo dell'autorità.

PRESENTAZIONE

DELLA MERCE

(art. 139 c. 1 CDU)

Le merci introdotte nel territorio doganale dell'Unione sono presentate in dogana immediatamente al loro arrivo all'ufficio doganale designato o in altro luogo approvato dalle autorità doganali o nella zona franca da una delle persone seguenti:

a) la persona che ha introdotto le merci nel territorio doganale dell'Unione;

b) la persona in nome o per conto della quale agisce la persona che ha introdotto le merci in detto territorio;

c) la persona che ha assunto la responsabilità del trasporto delle merci dopo la loro introduzione nel territorio doganale dell'Un...

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona