Lorem Riviste

Tregua fiscale: le novità della legge di conversione del Decreto bollette

13 Giugno 2023 |
Francesco Villante
Sebbene la cd. tregua fiscale, introdotta nel mese di gennaio con la Legge di Bilancio 2023, sia ormai entrata in una fase di concreta e attuale applicazione, la sua disciplina normativa è in continua evoluzione. Per l'ennesima volta, infatti, il legislatore è intervenuto con recenti provvedimenti volti a modificare ed integrarne l'ambito applicativo, introducendo specifiche nuove regole ad alcuni dei nuovi istituti deflattivi.

Tra i provvedimenti che più di tutti ha suscitato interesse, merita menzione il DL. 34/2023 (c.d. Decreto Bollette) che da pochi giorni è stato definitivamente convertito con la L. 56/2023, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 29 maggio 2023.

Con la menzionata legge di conversione il legislatore ha, in primis, confermato tutte le novità procedurali già introdotte dal Governo nel mese di marzo con il citato Decreto Bollette e, a sua volta, ha introdotto le seguenti ulteriori ed ennesime modifiche in merito:

- alle modalità ed ai termini di versamento della definizione agevolata delle controversie tributarie, modificando parzialmente l'art. 20 DL 34/2023 con il quale erano già state apportate modifiche all'art. 1 c. da 186 a 205 L. 197/2022;

- alla possibile applicazione anche da parte degli Enti territoriali degli istituti dello stralcio dei singoli carichi fino ad € 1.000 e della definizione agevolata dei carichi posti in riscossione, inserendo in sede di conversione del DL 34/2023 l'art. 17-bis in relazione all'art. 1 c. 227, 229-bis, e 231, L. 197/2022.

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona