Lorem Riviste

La normativa nazionale ed europea in tema di "Whistleblowing"

29 Maggio 2023 |
Vincenzo Papagni
L'Autore ripercorre la disciplina dettata in tema di segnalazione, da parte di dipendenti pubblici, di illeciti di cui siano venuti a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, da ultimo oggetto del D.Lgs. 24/2023.
Sommario
Premessa

L'ordinamento tutela i dipendenti che segnalano illeciti di cui siano venuti a conoscenza in occasione della prestazione lavorativa. La tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti è realizzata, in particolare, attraverso la disciplina introdotta dall'art. 54-bis del D.Lgs. 165/2001, (Testo Unico del Pubblico Impiego), inserito dall'art. 1 c. 51 della L. 190/2012 e modificato dall'art. 31 c. 1 del DL 90/2014, convertito, con modificazioni, dalla L. 114/2014 come oggi vigente a seguito delle modifiche sostanziali apportate dall'art. 1 c. 1 della L. 179/2017.

Questa disciplina ha regolato, sul piano dell'ordinamento, l'istituto, di derivazione anglosassone, comunemente noto come whistleblowing (BOVA, Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti: il whistleblowing, in Il contrasto al fenomeno della corruzione nelle amministrazioni pubbliche. Commento alla legge n. 190/2012 e decreti attuativi, Roma, 2013, 300 ss.; GANDINI, La protezione del whistleblower, in La corruzione amministrativa. Cause, prevenzioni e rimedi, MERLONI, VANDELLI, (a cura di), Firenze, 2010, 167 ss.; GARGANO, La “cultura del whistleblower” quale strumento di emersione dei profili decisi...

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona