Lorem Riviste

Effetti fiscali derivanti da scissione mediante scorporo sotto la lente di Assonime

24 Maggio 2023 |
Assonime ha offerto un'ampia analisi delle questioni fiscali (tutt'ora irrisolte) derivanti dall'operazione di scissione mediante scorporo, normata dal nuovo art. 2506.1 c.c. Tra i profili esaminati: valore fiscale delle partecipazioni, riallineamento dei valori contabili e avviamento, ripartizione di posizioni soggettive tra società scissa e beneficiaria neo-costituita, profili di possibile abuso del diritto, scissione con scorporo nel contesto transnazionale.
Sommario
Inquadramento

Il nuovo art. 2506.1 c.c. (inserito dal D.Lgs. 19/2023 attuativo della Dir. 2019/2121/UE del 27 novembre 2019 che modifica la Dir. 2017/1132/UE in materia di trasformazioni, fusioni e scissioni transfrontaliere) ha introdotto la possibilità di effettuare l'operazione di scissione assegnando le azioni o quote di una o più società beneficiarie neocostituite non ai soci della società scissa, bensì alla medesima società scissa.

Proprio in virtù di questa caratteristica, la scissione mediante scorporo è in grado di determinare effetti simili rispetto al conferimento di beni mediante apporto, in quanto in entrambi i casi gli elementi patrimoniali provenienti dal dante causa sono trasferiti alla beneficiaria a fronte di una corrispondente attribuzione (al dante causa) di partecipazioni nella stessa società beneficiaria (per effetto di queste novità, il trasferimento di attività e passività dalla società scindenda e il suo apporto a favore della società beneficiaria neocostituita può ora avvenire indifferentemente mediante un'operazione di conferimento o di scissione). Si ricorda che, ai fini civilistici, gli elementi distintivi principali tra le due operazioni (“conferime...

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona