Lorem Riviste

Certificazione della parità di genere: un'opportunità etica e vantaggiosa

12 Aprile 2023 |
Francesca Zucconi
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha introdotto il sistema di certificazione della parità di genere con lo scopo di aumentare la qualità del lavoro femminile e le opportunità di carriera, riducendo al contempo il divario salariale esistente tra uomo e donna.
Sommario
L'origine della certificazione della parità di genere

La L. 162/2021 ha previsto novità importanti legate alle pari opportunità tra uomo e donna nel mondo del lavoro, sfociando nell'introduzione dalla certificazione di parità di genere che possono ottenere volontariamente le aziende attraverso l'attuazione di comportamenti virtuosi volti a colmare il divario di genere.

Tramite il DM 29 aprile 2022 del Ministero delle Pari Opportunità, è stata recepita la norma UNI/PDR 125:2022 la quale prevede l'adozione di indicatori chiave di prestazione c.d. KPI, che possono essere distinti in 6 aree tematiche caratterizzanti una organizzazione aziendale rispettosa della parità di genere:

  • Cultura e strategia
  • Governance
  • Processi HR
  • Opportunità di crescita ed inclusione delle donne in azienda
  • Equità remunerativa per genere
  • Tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro.

Le aree hanno un peso percentuale differente nella valutazione dell'organizzazione e sono composte da indicatori atti a misurare la riuscita. L'evoluzione viene monitorata ogni anno per controllare i miglioramenti.

Riepilogo delle aree tematiche e del loro valore percentuale

Area tematica

Peso in percentuale

In...

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona