Lorem Schede d'autore

Criptovalute

09 Aprile 2024 |

Il fenomeno delle criptovalute o, più, correttamente, crypto-attività, emerso da oltre un decennio, ha assunto ormai dimensioni di tutto rilievo. Eppure, l'inquadramento regolamentare, civilistico e fiscale delle cripto-attività e dei servizi che le hanno ad oggetto risente ancora, sia a livello europeo sia nazionale, dell'assenza di indicazioni precise circa la natura giuridica delle crypto e il loro rapporto con la normativa vigente.

Sommario
Inquadramento

Le criptovalute costituiscono delle monete virtuali che permettono di compiere operazioni (tipicamente le transazioni online) in sicurezza e anonimato. In tal senso, l'articolo 1, comma 2, lett. qq), del D.Lgs. 25 maggio 2017 n. 90 stabilisce che la valuta virtuale è “la rappresentazione digitale di valore, non emessa da una banca centrale o da un'autorità pubblica, non necessariamente collegata a una valuta avente corso legale, utilizzata come mezzo di scambio per l'acquisto di beni e servizi è trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente”. Tra le principali criptovalute in circolazione vale la pena di ricordare: Bitcoin; Ethereum; Ripple; Litecoin.

Queste attività rappresentano, quindi, degli strumenti digitali e basano il proprio funzionamento sui principi della crittografia. Nello specifico, le criptovalute:

  • sono create da un emittente privato o, in via diffusa, da utenti che utilizzano software altamente sofisticati;
  • non sono fisicamente detenute dall'utente, e sono movimentate attraverso un conto personalizzato (e-wallet), generalmente sviluppato e fornito da appositi soggetti (wallet providers);
  • possono essere acquistate con moneta tradizionale su un...

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona