Lorem Giurisprudenza commentata

Sospensione del rimborso IVA: illegittimo il provvedimento non sufficientemente motivato

07 Ottobre 2022 |

Una recente pronuncia della Cassazione consente un'interessante riflessione sulla cumulabilità tra gli istituti cautelari concessi all'Amministrazione finanziaria a tutela degli interessi erariali, a fronte di richieste di rimborso presentate dai contribuenti (Cass. 15 settembre 2022 n. 27165).

Massima

In tema di rimborsi IVA, la sospensione costituisce una tutela cautelare specifica e circoscritta alle ipotesi di reato in essa richiamate, che va adeguatamente motivata con riferimento alla fattispecie presa in esame dall'Amministrazione finanziaria per sospendere il rimborso. Tale norma non impedisce all'Ufficio il ricorso a strumenti di tutela cautelare alternativi, anche in corso di giudizio, purché sussistano ragioni diverse da quelle presidiate dall'art. 38-bis c. 8 Decreto IVA, e sia adottato un formale provvedimento adeguatamente motivato.

Contenuto riservato agli abbonati.
Vuoi consultarlo integralmente?

Sei un abbonato

Non sei un abbonato

Se vuoi maggiori informazioni contatta il tuo agente di zona