NEWS

Bonus 200 euro: in busta paga di giugno o luglio?


22/06/2022 | Mario Cassaro

L'INPS specifica che il bonus 200 euro deve essere riconosciuto in via generale nella busta paga che contiene le retribuzioni di competenza di luglio, oppure, in casi particolari, con le competenze di giugno 2022. Novità anche con il DL Semplificazioni in vigore dal 22 giugno 2022 (Mess. INPS 21 giugno 2022 n. 2505; art. 36 DL 73/2022).

Fonte: QuotidianoPiù

Il bonus 200 euro sembra ormai essere l'argomento preferito di molti italiani. Tra gli operatori, tuttavia, non mancano le perplessità e gli interrogativi sui vari aspetti che disciplinano il predetto beneficio e che impattano sul lavoro degli uffici del personale e dei professionisti che dovranno elaborare le buste paga contenenti il bonus. L'INPS torna sull'argomento con il Mess. 21 giugno 2022 n. 2505 nel tentativo di sgombrare il campo da alcuni dubbi sorti proprio dopo la lettura del primo e per correggere le precedenti indicazioni sull'esposizione dei dati nel flusso UniEmens.

Quando viene riconosciuto il bonus

L'indennità una tantum (comunemente chiamata bonus 200 euro) trova la sua fonte nell'art. 31 DL 50/2022. Nel predetto articolo si legge che l'indennità dovrà essere riconosciuta, fermi restando i requisiti richiesti, “nella retribuzione erogata nel mese di luglio 2022”.

Il Mess. INPS 13 giugno 2022 n. 2397 ha destato alcune perplessità sulla mensilità in cui corrispondere effettivamente il bonus in argomento.

L'Istituto, d'intesa con il Ministero del Lavoro, specifica poi che la retribuzione nella quale riconoscere l'indennità da parte dei datori di lavoro è quella di competenza del mese di luglio 2022, oppure, in ragione dell'articolazione dei singoli rapporti di lavoro (ad esempio, part-time ciclici) o della previsione dei CCNL, quella erogata nel mese di luglio del corrente anno, seppure di competenza del mese di giugno 2022.

Ad una prima lettura, il messaggio INPS del 21 giugno 2022 ci porta ad affermare che il bonus in parola deve essere riconosciuto in via generale nella busta paga che contiene le retribuzioni di competenza del mese di luglio, ma qualora ciò non sia possibile (quindi come ipotesi residuale) potrà essere corrisposto con le competenze di giugno 2022.

In ogni caso, specifica l'Istituto, il rapporto di lavoro deve sussistere nel mese di luglio 2022.

Ne consegue che il bonus non potrà essere erogato sulle retribuzioni di giugno dei lavoratori il cui rapporto viene a cessare nello stesso mese, seppur pagate nel mese di luglio.

L'Istituto precisa inoltre che il bonus dovrà essere riconosciuto anche laddove la retribuzione di competenza di luglio 2022 (o giugno 2022) risulti azzerata in virtù di eventi tutelati tra i quali, a titolo esemplificativo, ammortizzatori sociali, congedi etc.

Nuove istruzioni per il recupero in UniEmens

Per effetto dei chiarimenti forniti con il messaggio in argomento, l'indennità corrisposta dal datore di lavoro potrà essere recuperata valorizzando il flusso UniEmens di competenza del mese di giugno 2022 o luglio 2022 come segue:

  • nell'elemento “CodiceCausale” si deve indicare il valore “L031”;
  • nell'elemento “IdentMotivoUtilizzoCausale” va riportato il valore “N”;
  • nell'elemento “AnnoMeseRif” l'anno/mese “06 - 07/2022”;
  • nell'elemento “ImportoAnnoMeseRif” l'importo da recuperare.

I datori di lavoro con lavoratori iscritti alla Gestione Pubblica, compileranno l'elemento “RecuperoSgravi” indicando:

- nell'elemento “AnnoRif” l'anno 2022;

- nell'elemento “MeseRif” il mese 06 oppure 07;

- nell'elemento “CodiceRecupero” il valore “35”, avente il significato di “Recupero indennità una tantum articolo 31 comma 1 decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50”;

- nell'elemento “Importo” dovrà essere indicato l'importo da recuperare.

I datori di lavoro agricoli compileranno le denunce Posagri delle competenze di giugno o di luglio 2022 indicando in “DenunciaAgriIndividuale” l'elemento “TipoRetribuzione” con il “CodiceRetribuzione” “9”, avente il significato di “Recupero indennità una tantum art. 31 comma 1 D.L. 17 maggio 2022, n. 50”.

Per gli elementi “TipoRetribuzione” che espongono il predetto “CodiceRetribuzione” “9” dovrà essere valorizzato unicamente l'elemento “Retribuzione” con l'importo dell'indennità una tantum da recuperare.

Decreto Semplificazioni: le ultime novità

In materia giova segnalare che l'art. 36 del DL 73/2022 (Decreto Semplificazioni), in vigore dal 22 giugno 2022, ha previsto limitatamente ai dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni l'esonero dalla dichiarazione da consegnare al datore di lavoro, prevista dall'art. 31, c. 1, DL 50/2022.

Mess. INPS 21 giugno 2022 n. 2505

art. 36 DL 73/2022