NEWS

Test per diagnostica in vitro: esenzione IVA solo per contrasto al Covid-19


20/01/2022| La Redazione

I test diagnostici in vitro che effettuano controlli a campione relativi all'assunzione di sostanze stupefacenti e psicotrope non sono finalizzati al contrasto del Covid-19, dunque, le relative cessioni prevedendo la corresponsione dell'aliquota IVA al 22%.

Secondo la spiegazione del Fisco, anche ai test per la diagnostica in vitro potrebbe essere garantito il regime di esenzione IVA; ma, poiché nel caso sottoposto mediante interpello, i test diagnostici non sono finalizzati al contrasto del Covid-19, gli stessi non rientrano nella disciplina di IVA agevolata.

Contenuto riservato agli abbonati
Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo