NEWS

R&S: quando compensare i crediti non indicati in dichiarazione


18/01/2022| La Redazione

Per il contribuente che nel periodo d'imposta ultrannuale (1° ottobre 2019-31 dicembre 2020) ha maturato il credito d'imposta R&S che non può indicare nel Mod. Redditi (perché non riguarda né una precedente annualità né il nuovo credito d'imposta) è possibile, in via eccezionale, fruirne in compensazione, a condizione che conservi la documentazione comprovante il diritto maturato.

Nel dettaglio, nel quadro RU del Mod. Redditi SC 2021 va indicato:

  • nella sezione I, l'importo residuo del vecchio credito d'imposta R&S (di cui alla L. 190/2014);
  • nella sezione IV, il nuovo credito d'imposta R&S (di cui alla L. 160/2019).

Nel caso di specie, il contribuente ha maturato nel periodo d'imposta ultrannuale (1° ottobre 2019-31 dicembre 2020) il credito d'imposta R&S che però non può esporlo né nella sezione I, in quanto non si tratta di un residuo della precedente annualità, né nella sezione IV, in quanto la stessa, come detto, è aggiornata al nuovo credito d'imposta R&S.

Secondo l'AE, nonostante l'impossibilità di indicare nel Mod. Redditi il credito d'imposta, il contribuente può, in via eccezionale, fruirne in compensazione, a condizione che conservi la documentazione comprovante il diritto maturato.

Risp. AE 17 gennaio 2022 n. 30